Cave Man, il gigante nascosto

La storia di uno scultore speleologo, Filippo Dobrilla, e di una scultura particolare, fatta in anni di lavoro, in fondo a una caverna remotissima sotto la montagna di marmo

La storia di uno scultore speleologo, Filippo Dobrilla, e di una scultura particolare, fatta in anni di lavoro, in fondo a una caverna remotissima sotto la montagna di marmo della Garfagnana. Nel frattempo lo scultore e’ scomparso, prematuramente. Ma con amicizia e arte una ulteriore trasformazione della storia al limite del sublime e dell’introspezione quasi maniacale e’ diventata un film.

In questa puntata, proposta da Roberto De Luca e condotta assieme, parliamo con il realizzatore del documentario, Tommaso Landucci, con l’intrepido speleologo realizzatore, che in modo avventuroso e faticosissimo ha portato l’attrezzatura a -650 metri e con Marco Visalberghi, produttore del documentario.
Il film, ci racconta Marco, esce al cinema a Firenze domani, 20 Novembre, e la voglia di vederlo lì, al buio non così intenso e assoluto della sala sarebbe fortissima.
Puntata avventurosa e imperdibile.

dal sito del film un fotogramma di un lavoro di Dobrilla

Per maggiori informazioni: https://caveman.doclab.it/

e un recente articolo sul progetto su arte.it


Grazie a tutti.

Immediatismo

Ieri ho parlato un po’ di Immediatismo in radio, leggendo, meta’ la mattina e meta’ la sera, il manifesto dell’Immediatismo di Hakim Bey.

Chi e’ HB? Innanzitutto un nom de plume di Peter Lamborn Wilson, anarchico, sufi, scrittore, sciamano, libertario, spaccatore di maroni della borghesia benpensante mondiale, seminatore di zizzania e diseducatore della gioventu’…

Praticamente il mio scrittore modello, o almeno dopo aver passato l’adolescenza a ascoltarmi metallo e leggere Nietzche un buon punto di approdo. Tra l’altro uno che ha insistito a dare via i suoi scritti pubblicandoli no-copywright… Forse avete sentito parlare di TAZ? Di Terrorismo poetico? Di Cena Oltranzista? Insomma tantissima roba…

La cosa piu’ sorprendente e’ stata, per me, che a rileggere le sue cose mi sono accorto di seguire le sue istruzioni nel dettaglio da trenta anni. Non male per capire il funzionamento degli incantesimi, l’importanza del jinn e del cazzeggio intellettuale con o senza il consumo di sosanze psicotrope.

Prendete e leggetene tutti!

f

i.

All experience is mediated—by the mechanisms of sense perception, mentation, language, etc.—& certainly all art consists of some further mediation of experience.

ii.

However, mediation takes place by degrees. Some experiences (smell, taste, sexual pleasure, etc.) are less mediated than others (reading a book, looking through a telescope, listening to a record). Some media, especially “live” arts such as dance, theater, musical or bardic performance, are less mediated than others such as TV, CDs, Virtual Reality. Even among the media usually called “media,” some are more & others are less mediated, according to the intensity of imaginative participation they demand. Print & radio demand more of the imagination, film less, TV even less, VR the least of all—so far.

iii.

For art, the intervention of Capital always signals a further degree of mediation. To say that art is commodified is to say that a mediation, or standing-inbetween, has occurred, & that this betweenness amounts to a split, & that this split amounts to “alienation.” Improv music played by friends at home is less “alienated” than music played “live” at the Met, or music played through media (whether PBS or MTV or Walkman). In fact, an argument could be made that music distributed free or at cost on cassette via mail is LESS alienated than live music played at some huge We Are The World spectacle or Las Vegas niteclub, even though the latter is live music played to a live audience (or at least so it appears), while the former is recorded music consumed by distant & even anonymous listeners.

iv.

The tendency of Hi Tech, & the tendency of Late Capitalism, both impel the arts farther & farther into extreme forms of mediation. Both widen the gulf between the production & consumption of art, with a corresponding increase in “alienation.”

v.

With the disappearance of a “mainstream” & therefore of an “avant-garde” in the arts, it has been noticed that all the more advanced & intense art-experiences have been recuperable almost instantly by the media, & thus are rendered into trash like all other trash in the ghostly world of commodities. “Trash,” as the term was redefined in, let’s say, Baltimore in the 1970s, can be good fun—as an ironic take on a sort of inadvertent folkultur that surrounds & pervades the more unconscious regions of “popular” sensibility—which in turn is produced in part by the Spectacle. “Trash” was once a fresh concept, with radical potential. By now, however, amidst the ruins of Post-Modernism, it has finally begun to stink. Ironic frivolity finally becomes disgusting. Is it possible now to BE SERIOUS BUT NOT SOBER? (Note: The New Sobriety is of course simply the flipside of the New Frivolity. Chic neo-puritanism carries the taint of Reaction, in just the same way that postmodernist philosophical irony & despair lead to Reaction. The Purge Society is the same as the Binge Society. After the “12 steps” of trendy renunciation in the ’90s, all that remains is the 13th step of the gallows. Irony may have become boring, but self-mutilation was never more than an abyss. Down with frivolity—Down with sobriety.)

Everything delicate & beautiful, from Surrealism to Break-dancing, ends up as fodder for McDeath’s ads; 15 minutes later all the magic has been sucked out, & the art itself dead as dried locust. The media-wizards, who are nothing if not postmodernists, have even begun to feed on the vitality of “Trash,” like vultures regurgitating & re-consuming the same carrion, in an obscene ecstasy of self-referentiality. Which way to the Egress?

vi.

Real art is play, & play is one of the most immediate of all experiences. Those who have cultivated the pleasure of play cannot be expected to give it up simply to make a political point (as in an “Art Strike,” or “the suppression without the realization” of art, etc.) Art will go on, in somewhat the same sense that breathing, eating, or fucking will go on.

vii.

Nevertheless, we are repelled by the extreme alienation of the arts, especially in “the media,” in commercial publishing & galleries, in the recording “industry,” etc. And we sometimes worry even about the extent to which our very involvement in such arts as writing, painting, or music implicates us in a nasty abstraction, a removal from immediate experience. We miss the directness of play (our original kick in doing art in the first place); we miss smell, taste, touch, the feel of bodies in motion.

viii.

Computers, video, radio, printing presses, synthesizers, fax machines, tape recorders, photocopiers—these things make good toys, but terrible addictions. Finally we realize we cannot “reach out & touch someone” who is present in the flesh. These media may be useful to our art—but they must not possess us, nor must they stand between, mediate, or separate us from our animal/animate selves. We want to control our media, not be Controlled by them. And we should like to remember a certain psychic martial art which stresses the realization that the body itself is the least mediated of all media.

ix.

Therefore, as artists & “cultural workers” who have no intention of giving up activity in our chosen media, we nevertheless demand of ourselves an extreme awareness of immediacy, as well as the mastery of some direct means of implementing this awareness as play, immediately (at once) & immediately (without mediation).

x.

Fully realizing that any art “manifesto” written today can only stink of the same bitter irony it seeks to oppose, we nevertheless declare without hesitation (without too much thought) the founding of a “movement,” IMMEDIATISM. We feel free to do so because we intend to practice Immediatism in secret, in order to avoid any contamination of mediation. Publicly we’ll continue our work in publishing, radio, printing, music, etc., but privately we will create something else, something to be shared freely but never consumed passively, something which can be discussed openly but never understood by the agents of alienation, something with no commercial potential yet valuable beyond price, something occult yet woven completely into the fabric of our everyday lives.

xi.

Immediatism is not a movement in the sense of an aesthetic program. It depends on situation, not style or content, message or School. It may take the form of any kind of creative play which can be performed by two or more people, by & for themselves, face-to-face & together. In this sense it is like a game, & therefore certain “rules” may apply.

xii.

All spectators must also be performers. All expenses are to be shared, & all products which may result from the play are also to be shared by the participants only (who may keep them or bestow them as gifts, but should not sell them). The best games will make little or no use of obvious forms of mediation such as photography, recording, printing, etc., but will tend toward immediate techniques involving physical presence, direct communication, & the senses.

xiii.

An obvious matrix for Immediatism is the party. Thus a good meal could be an Immediatist art project, especially if everyone present cooked as well as ate. Ancient Chinese & Japanese on misty autumn days would hold odor parties, where each guest would bring a homemade incense or perfume. At linked-verse parties a faulty couplet would entail the penalty of a glass of wine. Quilting bees, tableaux vivants, exquisite corpses, rituals of conviviality like Fourier’s “Museum Orgy” (erotic costumes, poses, & skits), live music & dance—the past can be ransacked for appropriate forms, & imagination will supply more.

xiv.

The mail art of the ’70s & the zine scene of the ’80s were attempts to go beyond the mediation of art-as-commodity, & may be considered ancestors of Immediatism. However, they preserved the mediated structures of postal communication & xerography, & thus failed to overcome the isolation of the players, who remained quite literally out of touch. We wish to take the motives & discoveries of these earlier movements to their logical conclusion in an art which banishes all mediation & alienation, at least to the extent that the human condition allows.

xvi.

Moreover, Immediatism is not condemned to powerlessness of the world, simply because it avoids the publicity of the marketplace. “Poetic Terrorism” & “Art Sabotage” are quite logical manifestations of Immediatism.

xvii.

Finally, we expect that the practice of Immediatism will release within us vast storehouses of forgotten power, which will not only transform our lives through the secret realization of unmediated play, but will also inescapably well up & burst out & permeate the other art we create, the more public & mediated art.

And we hope that the two will grow closer & closer, & eventually perhaps become one.

https://theanarchistlibrary.org/library/hakim-bey-immediatism

– CRISIS – Order to my Chaos

GiuNa intervista EZ

Avete mai sentito parlare di un Artista laureato in Ingegneria Industriale? Ve ne paliamo di uno in particolare: Emiliano Zingale, illustratore piazzese, classe ‘92. Lo abbiamo incontrato al Tribe Cafè di Piazza Armerina in occasione della sua prima esposizione in terra piazzese.

Ciao Emiliano, quindi sei un…
…nerd??

Ihihihih! No, intendevo dire…come fa un Ingegnere a trovarsi qui oggi ad esporre i propri DIPINTI?
Bella domanda! Me lo chiedo anche io! In realtà disegno da sempre, ma è solo da un anno a questa parte che ho preso più confidenza con la tecnica ad acrilico, grazie alla quale sono nati questi lavori dal sapore un po’ surreale e psichedelico. In verità avevo già cominciato a dipingere qualche anno fa appassionandomi agli acquerelli, tecnica che si sposa meglio con la mia prima passione che è stata quella per il fumetto. Ho pure una pubblicazione all’attivo, lo sai?

WoaoaoaW!!! Cioè??
Circa tre anni fa nel bel mezzo della stesura della mia tesi di laurea mi sono immerso nella realizzazione di queste dieci pagine di fumetto, che sarebbero in realtà un intro alla storia vera e propria…della quale esiste già una sceneggiatura che però non ha ancora visto la luce.

E come si chiama il fumetto? Di che parla?
Il fumetto di chiama “NikoGenioXCaso: Operazione Incrocio Galattico” e parla di un ragazzino, Niko per l’appunto, che viene rapito da una delegazione aliena del Commando Galattico che lo usa come cavia per un esperimento top secret.
Niko vive a Neonia, la nuova e unica metropoli mondiale post-surriscaldamento globale e prende il nome dalla miniera di Neon solido che si trova al di sotto di essa, nel cuore del Polo Sud, ormai privo dei suoi ghiacci perenni e colonizzata da ciò che rimane dell’umanità.

E se volessi averne una copia?
Beh, per chi mi conosce è molto facile, io ne ho diverse copie e se qualcuno volesse averne una può direttamente contattare me. Per chi sta un po’ più lontano, invece, possiamo metterci d’accordo per una eventuale spedizione. In realtà tempo fa era possibile ordinarlo online ma l’editore ha un po’ “mollato la presa” e quindi adesso ci arrangiamo un po’ così, con creatività!

Che bello! Ma parliamo un po’ delle opere che hai esposto al Tribe. Cosa ci raccontano?
Ecco, ciò che più amo fare è creare personaggi, e la verità è che queste opere raccontano molto della solitudine che essi vivono. Con questi dipinti il mio scopo non è quello di descrivere qualcosa in particolare o dare una specifica direzione interpretativa all’osservatore, quanto suscitargli domande e riflessioni sul contesto, di cui né io né nessun altro abbiamo le risposte. Non mi piace dare un perché a qualsiasi cosa, ma ognuno è libero di trovare il suo.

Opere esposte presso il Tribe Cafè di Piazza Armerina

Il mio preferito è “Skull und Drang”! Mi piace il contrasto fra il pellicciotto arancione e lo scheletro che guarda un igloo in mezzo al nulla come una reliquia di un’era perduta ! Sembra non esistere il tempo e nonostante i toni un po’ cupi , guardarlo mi rilassa …
E: …brava! E hai notato la bottiglia di plastica ?!?!

WoaoaoaoaoW ! A dire il vero non me n’ero accorta ! .. ciò che resta dell’umanità ?!?!
Forse… ogni tanto ho delle immagini, degli elementi che mi ronzano per la testa per un po’ e alla fine riesco a metterle su carta…o tela! Tutto è nato dall’Aurora Boreale che io sogno di vedere almeno una volta nella vita…solo che ogni tanto ho paura che non ci riuscirò mai…e se gli umani si estinguessero a breve? Forse solo qualche anima maledetta continuerà a vagare e ad avere la possibilità di ammirare questo spettacolo.

Skull und Drang, acrilico su carta, 2019

Grazie Emiliano per aver raccontato un po’ di te e delle tue creazioni in diretta streaming su Radio Antidoto ! Hai un sito ? Delle referenze ?! Per chi volesse, come può “seguirti”?!?!
Allora , ho tre profili instagram : uno per la mia parte più artistica in senso stretto ( @emilianozingale.art ), uno per le foto ( @theminoltakid ) ed un altro per le cazzate che non mancano mai !!

Quindi sei anche un fotografo?
Mi piace spaziare !!! anzi ti ho portato questo !! E’ un calendario del 2020 che ho realizzato con delle foto in bianco e nero che ho scattato in analogico in giro per Catania nel corso del 2019, e come puoi immaginare da qui prende il nome il calendario…PERI PERI!

WoaoaoaoaoaoaaoW!!!!! Emiliano!!! Grazie 1000000000000!!!! Ti ringrazio di cuore e grazie per questo fantastico souvenir!!!! Sono felicissima di avere avuto l’opportunità di conoscerti meglio e scambiare divertenti chiacchiere con te e le tue creazioni! Alla prossima!!!

Mail: emiliano.zingale@hotmail.it
Instagram: @emilianozingale.art, @theminoltakid
Behance: Emiliano Zingale

Arte e (r)esitenza

Un pomeriggio di maggio, pieno di sole, un vecchio filosofo saliva a fatica sul sentiero che portava all’acropoli. Le api ronzavano tra miriadi di fiori e il sole brillava caldo in un cielo puntellato da nuvole che correvano veloci verso ponente.


Il filosofo camminava lento, soppesando ogni passo. Dietro di lui il mare, ai suoi fianchi le vigne e gli orti, sopra di lui la massa bianca della città. I contadini al suo passaggio gli rivolgevano saluti benevoli. Uno di loro, col volto duro e abbronzato e il sorriso di un bambino, si offrì di caricarlo sul dorso del suo asino, ma il vecchio declinò l’invito con un saluto.

Salito oltre i due terzi della strada fece sosta vicino ad un fico, per riprendere fiato, seduto su una pietra. Dietro di lui saliva una ragazza, con una pesante brocca sulla testa e la pelle già abbronzata dal sole. I loro sguardi si toccarono. La ragazza si avvicinò piano e porse al filosofo un sorso d’acqua.

A quel punto il vecchio iniziò a parlare.

«La perfezione del bello dipende da tre coincidenze superiori.
Prima di tutto è necessario un soggetto, colui nel quale il bello viene percepito come tale.
Esso è attivo. Sono sue le categorie nelle quali il bello si fa strada per essere percepito; nei soggetti colti esse operano in modo più efficiente. La seconda coincidenza, necessaria, è l’atto.
Esso può essere naturale o artificiale, ovvero comunicazione o proiezione.
Ove esso sia artificiale, come nella pittura o nelle altre arti, diviene struttura di sensi; costruita con arte e fatica per uno scopo: l’essere bella.

Ove invece il bello si presenti come atto naturale, un tramonto, un bel giovane, o un bel cavallo, esso si affida alla proiezione, ovvero al riconoscimento di una affinità tra l’oggetto e la struttura che il bello si è data nell’animo del soggetto percepente.
Infine il bello necessita dell’attimo.

Esso è tensione tra atto esoggetto e non può essere controllato da nessuno: è un dono degli Dei.

Queste tre coincidenze danno la perfezione del bello.

Oggi, la tua offerta, il tuo sorriso, le api, il clima, la natura tutta, cospirando, ci hanno dato la possibilità di sentire il bello nell’atto, e di confermare così ancora una volta, le nostre teorie».

Detto questo il vecchio si alzò, sorrise, diede una carezza alla ragazza e si allontanò, riprendendo con fatica il sentiero, nella luce ormai dorata del pomeriggio.
La ragazza lo guardò allontanarsi, poi volse lo sguardo attorno. Vide il blu del mare, solcato dalle vele, vide le vigne e i fiori, il cielo e le nuvole, la luce dorata.

Sentì il vento sulla pelle e ronzare le api, il profumo dei fiori
il rumore lontano della piazza e il fruscio delle fronde.
Quindi raccolse un sasso e con un colpo secco spaccò la brocca che finì in cento pezzi, spargendo il liquido giù per la china. In un guizzo e una risata la ragazzina corse felice su verso casa, sorpassando di slancio il vecchio che arrancava ancora sul sentiero scosceso.