Il Manifesto

Una chiacchierata al bar con due grandi amici di Radio Antidoto: Francesco Bonaccorso e Paolo Roberto (Falcao) Santo. Ci hanno raccontato come nasce un manifesto umano che racconta una generazione e le sue paturnie. La storia di Tommaso un Sandwich umano che per sbarcare il lunario è disposto a tutto e un Rewind che o porterà a ricordare vecchie scelte e vecchie strade percorse con un po di nostalgia e sguardo malinconico.

Link: https://archive.org/details/2021-08-12-12h-31m-54s

Ugo Antidoto

Ugo Crepa è un antidoto alla noia. Con i suoi diversi mood, diversi stili e diverse immagini porta in un nuovo viaggio ad ogni canzone. La sua poliedricità si sgama subito, quando ascolti più canzoni di questo artista viene proiettato in diverse situazioni vissute da lui ma anche da te. Ugo è uno specchio, che riflette la realtà attorno a lui ma anche attorno a te. Nel nostro piccolo viaggio di un’ora (di cui 15 minuti di intervista) siamo passati attraverso il mood più aperto dell’artista e della Napoli cosmopolita che noi tutti conosciamo. Ugo ne è un rappresentante a tutti gli effetti, non mi è sembrato sbagliato accostare James Senese, Pino Daniele, Meg e tanti altri alla nuova leva. Godetevi la puntata con la nostra breve intervista e i suoi pezzi su tutte le piattaforme. E’ GASSSS.

Qua potete sentire la puntata: —-> https://archive.org/details/ugo-vs.-vittor-chino

Gli abiti del male

Immaginate una rappresentazione dei 7 vizi capitali ambientata e contestualizzata tutta in Sicilia. A metà tra il teatro e il cinema. Una sorta di mini serie tv in cui ogni episodio corrisponde a un vizio. Esperimento già portato avanti in passato da registi come Rossellini e De Filippo adesso si prepara a sbarcare interamente sull’isola sicula. Il Clan degli Attori nella persona di Giovanni Maria Currò ci spiega in quest’intervista quali sono le potenzialità e le criticità di un progetto tanto grande quanto affascinante. Gli autori di ogni singolo episodio sono tutti siciliani e teatranti affermati, si affideranno alla regia televisiva di Giovanni per la realizzazione dei 7 episodi.

Yoz Shop nella Community

Abbiamo appena finito una puntata in vinile (Struggle Music – Dj Shokka & Frank Siciliano) da The Yoz Shop ( www.yozshop.it ). Una mega ficata, tra clienti che entravano e uscivano io e il Mago (Alessio) abbiamo portato alla luce una selecta del 2006 che ha dato l’imprinting all’hip hop moderno. Se in questo blog si parla di schegge di trasmissione possiamo dire che mentre i bambini, incuriositi dal giradischi, muovevano la testa a tempo con i suoni del Boom Bap più classico e originale e guardavano i nuovi pattini da comprare per il compleanno. The Yoz Shop è una realtà messinese che tiene duro nonostante il covid, la crisi, il mortorio cittadino e il menefreghismo. La storia sarebbe molto lunga ma non è questa la sede per raccontarla. Dovete solo sapere che hanno adottato una piccola aiuola davanti al negozio e abbellito la via con adesivi, una panchina e lo stilo che solo il Mago è capace di portare. Insieme a delle birrette abbiamo creato un momento di trasformazione di un’attività strettamente commerciale in una fucina di rap alla vecchia maniera. Perché supportare chi si sbatte in città per il bello è sempre importante. RadioAntidoto guadagna un nuovo amico che spinge propz per ogni o track importante sospinta da un giradischi. Vecchia maniera, old school o 90s come volete chiamarla ma la fotta è quella di 30 anni fa.

@theyozshop IG

@theyozshop FB

Musica Basura

Oggi riprendiamo il Signor Giradischi e mettiamo l’ultimo vinile che mi è arrivato. Jazz o Hip Hop? Beh io di solito faccio un Mixxx! Ne vedrete delle belle. Restate connessi. La linea di demarcazione non è così netta. Noi vogliamo segnare una linea tra la qualità e la spazzatura. Oggi solo qualità e originalità. SWED!

Yo! Si trasforma

Un programma totalmente dedicato alla musica Hip Hop si trasforma in un programma letterario che prende come primo artista in considerazione il poeta maledetto Emanuel Carnevali. Poeta di cui sono rimaste poche ma ben evidenti tracce. Restando nella sala di Colapesce (libreria indipendente di Messina) abbiamo avuto l’opportunità, grazie a Venera e Marcella, di arrivare con un transatlantico fino a Manhattan insieme al nostro autore.

La fluidità di uno strumento come la radio è stato il perfetto catalizzatore per raccontare una storia che si è svolta nei primi del novecento. Immigrazione, sessualità, poesia, musica e letteratura sono stati gli argomenti affrontati durante un’ ora di trasmissione per omaggiare un grande letterato dimenticato del ‘900.

Grazie a D Edizioni sono riemersi dei vecchi racconti e poesie scritte da Carnevali. Attraverso le voci narranti delle due compagne di viaggio in questa traversata oceanica abbiamo rivissuto vividamente le inquietudini di un emigrato italiano che ha a che fare con una nuova vita in U.S.A. Partendo dalla difficoltà con la lingua passando ai lavori saltuari che hanno impiegato il Carnevali siamo arrivati a una descrizione dei tempi moderni più attuali. La domanda allora non è più “come” ma “dove”, “quando” e “chi”.

Chiaramente sono domande a cui oggi possiamo dare una risposta ma viverle negli anni venti era tutta un’altra cosa. In Italia si affacciava il fascismo più nero e la necessità di scappare, per alcuni, era più forte che per altri. Trovare una casa nuova, una lingua nuova e un mestiere nuovo erano, come oggi, le grandi necessità di quel tempo. Solo che, chi era costretto ad emigrare, era italiano come me e te che stai leggendo.

Piccoli spunti di riflessione su un’attualità che ci vede protagonisti in negativo e strumenti utili per cambiare il nostro punto di vista su ciò che accade nel mondo, con maggiore attenzione sul mediterraneo. Radio Antidoto nella mia persone (VittorChino) ringrazia la libreria Colapesce per questo spazio e spera che non sia una goccia nel mare.

A presto dallo staff di Colapesce e di VittorChino.

Bomboclat

Buon giorno radio antidoto! Oggi passeremo un lp che ha fatto la storia del rap italiano. Ovviamente parliamo di Primo Brown insieme a a Squarta Cali, si tratta di Bomboclat. Nome che ha anche ispirato la radio pirata (un pò come la nostra) di Primo durante i primi anni duemila. La particolarità di questo album sono: 1 le strumentali, 2 i featuring, 3 la voce di Primo. Sarà una full immersion perché dura 52 minuti e non avrò il tempo di parlare troppo. Godetevi il rap dalle 11 alle 12. In coda troviamo Francesco che ci spingerà anch’esso un lp. Forza tigri!

3depomeriggio

Oggi il post arriva dopo la puntata. Puntata da sballo che ritrovate in archivio. Radio Antidoto ha fatto un Mixato con il miglioRap in circolazione, italiano ed americano. E’ stata una prova che mi ha portato grandi soddisfazioni perché ieri sera sono riuscito a collegare la mia consolle DJ2GO2 Numark al nostro mixerino virtuale open source e da li è partita l’idea. Niente parole se non quelle in musica. Abbiamo spaziato dalla scuola di Roma a quella siciliana passando per la est e west cost americane. Ma quello su cui voglio puntare l’attenzione è il pezzo con cui abbiamo cominciato: TREDDEPOMERIGGIO di Er Costa. Un pezzo uscito durante la quarantena e ci riporta dritti al bar con i birrini e tutto quello che ne comportano. Sono giorni difficili ma le tre del pomeriggio sono il mio piccolo angolo di salvezza con musica e commenti sulla chat di ascoltatori sintonizzati sulle frequenze internet e ti fanno i complimenti per la selecta per i brani scelti per il tempismo per i temi di cui trattano le canzoni. C’è sempre grande appoggio tra noi, siamo parte di un unica struttura e ogni parte di essa serve a tenerla in piedi. Ringrazio Johnny per avermi preceduto ed annunciato e Ale per essere arrivata incalzante dopo di me. Per oggi è tutto. Ci sentiamo poi.

Oggi fa bel tempo

Oggi ci facciamo un giro nelle sonorità di Primo, Squarta, Tormento e Rancore. Artisti che provano la loro qualità attraverso metriche, incastri e flow. La cosa più bella e che queste tracce resteranno iconiche in questa cultura. In più vi mando un brano che ho composto proprio ieri tra testo base e scratch. La cosa bella di questa cultura e che chi produce e chi consuma sono la stessa cosa come dice Hyst in uno dei suoi pezzi. Quindi se avete voglia di ascoltare qualche rappuso non perdete l’appuntamento delle 15 che vi riporterà al quel suono grezzo degno dei primi beat di Speaker DeeMo. Questa è una cultura che si riprende il “suo” e lo rende utile grazie alla forza di giganti che camminano sulle note. Non usano un pentagramma, tengono il tempo con la punta e il tacco. Quindi pronti per la Jam di oggi.

Bek Tu De Rutz

Oggi ci immergiamo nel suono del “Boom Bap”. Ritmo che ha reso grande questo genere musicale, l’Hip Hop. Ci concentreremo in particolar modo su Hip Hop italiano che cominciò con i SangueMisto e l’album sXm per poi creare una subcultura di grande importanza per la scena artistica italiana. Dalla nascita delle Posse fino a gli ultimi ComboPack come Death Poets (con i beat firmati FastCut) viaggeremo fra le note che hanno reso grandi queste poesie musicate. Poesie musicate che ricoprono un ruolo importante all’interno di RadioAntidoto, infatti spesso ci divertiamo a scrivere rime sulla nostra chat ufficiale di Telegram e poi le declamiamo o rappiamo in diretta. Il nostro sistema di “quartine” funziona fin dall’inizio di questa esperienza radioamatoriale. Parallelamente alle trasmissioni che portano avanti l’ ERRE A PI (Rap) io, Vittorchino, sto producendo basi, rime e scratch come fa un vero bboy. In questa puntata sarà presente anche una strofa inedita, cantata su una base inedita, campionata da un brano di Muddy Waters, uno dei primi blues man che ha cambiato il suo vero nome in quello che poi è rimasto alla storia come Acque Torbide, perché da piccolo era solito rotolarsi nel fango, sua nonna gli diede questo soprannome. Il mio è Chino (si legge cino all’inglese) ma questa è un altra storia. Non porto niente di nuovo, sono solo la dimostrazione che il Boom Bap Never Dies. Quindi preparate le cuffiette, lasciate muovere la testa, spalle ferme perché ci aspetta The Return of The Boom Bap.