12 April 2021
Don’t hibernate too soon

Don’t hibernate too soon

Questa incursione (parte della Maratona di Radio Antidoto del 21 Dicembre per il solstizio invernale) e’ un viaggio musicale nelle atmosfere sospese e letargiche dell’inverno, per essere un po’ sospesi e letargici anche noi, nell’attesa che il sole sciolga la neve, il ghiaccio si trasformi in acqua, e tutto fiorisca e rinasca con la nuova stagione. Buona ibernazione a tutti!

(Nella foto la mitica biologa polacca Simona Kossak a passeggio per un bosco innevato con i suoi amici cerbiatti)

letargo s. m. [dal lat. lethargus, gr. λήϑαργος, comp. di λήϑη «oblio» e ἀργός «inerte»] (pl. –ghi). – 1. a. In biologia, periodo di vita latente trascorso da animali diversi (soprattutto vertebrati omeotermi) in seguito a condizioni ambientali sfavorevoli: nei mammiferi è caratterizzato da forte abbassamento della temperatura corporea, rallentamento del battito cardiaco, riduzione dell’attività metabolica, con consumo delle riserve di grasso accumulate prima del periodo letargico; si distingue un linvernale, o ibernazione, e un lestivo, o estivazioneb. Nell’uomo, altro modo di designare alcune condizioni di ipersonnia patologica; per estens., sonno lungo e profondo in genere: cadereesseregiacere in letargoc. fig. Stato di sonnolenza, di torpore, d’inerzia spirituale o morale: destare un popolo dal suo secolare l.; Qual sonno o qual lha sì sopita La tua virtute? (T. Tasso); quindi, anche, cagione di oblio: Un punto solo m’è maggior letargo Che venticinque secoli a la ’mpresa Che fé Nettuno ammirar l’ombra d’Argo (Dante). 2. In botanica, sinon. di vita latente o di dormienza, com’è presentata dai semi o dai germogli sotterranei (rizomi, bulbi, tuberi) o anche da piante aeree (fanerofite) quando, per le condizioni esterne, rallentano le funzioni (respirazione) o le sopprimono (fotosintesi).

Ecco il link per riascoltare l’incursione:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *