Radical She

SOU theme for the 2022/2023 Academic Year

Si è conclusa la settimana di formazione per le nuove SOU School of Architecture for Children che saranno avviate per l’Anno Accademico 2022/23.

Ci siamo incontrati ai Sette Cortili di Farm Cultural Park e nella quiete degli spazi dorati di Palazzo Miccichè abbiamo dialogato, ci siamo confrontati, sono emersi dubbi e abbiamo affrontato problematiche condivise.

Ad oggi sono oltre trecentocinquanta i bambini in età dai sette ai dodici anni che hanno partecipato a corsi e laboratori della Scuola di Architettura per Bambini SOU a Favara, Ostuni, Firenze, Bari, Piombino, Novafeltria, Asti, Bitonto, Lariano, San Salvo, Gela, Alassio e Procida. A Settembre si aggiungeranno gli studenti di Milano, Torino, Bologna, Pescara, Potenza, Savona, Verona, Palestrina e Taranto. Una grande comunità di bambini, docenti, famiglie, insegnanti, artigiani, commercianti, meravigliosi volontari, …che con le loro preziose diversità e con la consapevolezza di essere costruttori di una società aperta, equa e sostenibile condividono la visione e lo stesso sogno.

Immersi nell’arte contemporanea, nel verde del giardino e delle terrazze della dimora di Mazzarino Andrea Bartoli ci ha presentato Radical She, il tema dell’anno che tutte le SOUx e SOUx a Domicilio andranno ad affrontare durante le lezioni e i laboratori del prossimo Anno Accademico. Qui sotto trovate la registrazione dell’intervento.

Prime Minister Scuola di Politica per Giovani Donne

Le ragazze di Asti, Ivrea, Savona, Torino incontrano le ragazze di Napoli al Salone del Libro di Torino 2022.

Prime Napoli è al terzo anno e le studentesse raccontano i progetti avviati.


Nel 2019 è nata Prime Minister (PM), un’iniziativa che punta sull’istruzione extrascolastica per
valorizzare le giovani donne di età compresa fra i 14 e i 19 anni sviluppando la loro leadership e
aiutandole a guardare al loro futuro superando gli stereotipi di genere.
In questi primi anni di vita ha costruito e sperimentato un percorso formativo organizzato su base
locale e replicabile, articolato in una decina di incontri (di sabato, giornata intera o solo
pomeriggio), per accompagnare gruppi di massimo 30 studentesse che vivono nella stessa area
geografica.
Ad oggi sono attive dieci scuole, Favara (AG), Napoli, Roma, Rieti, Puglia e Basilicata, alle quali si sono aggiunte, dallo scorso aprile, anche Asti, Ivrea, Savona e Torino avviate grazie al sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo.

Alle studentesse della scuola viene offerto gratuitamente un percorso di formazione
extrascolastica relativa ai temi posti dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) delle Nazioni
Unite, e al ruolo dell’attivismo civico e della politica, intesa in chiave apartitica. Lungo questo
percorso di approfondimento di conoscenze specifiche e di empowerment le studentesse
maturano consapevolezza di sé stesse e del proprio potenziale, rafforzano conoscenze e
competenze trasversali, sviluppano il loro ruolo nelle comunità alle quali appartengono. In
parallelo, la scuola le aiuta a creare una comunità più ampia, in particolare di peer e mentor,
pronta a sostenerle.
Le studentesse e la comunità sono coinvolte attivamente attraverso cinque modalità, tra loro
integrate:
● laboratori di empowerment (solo studentesse): costruiti con educatori e pedagogisti,
focalizzati sulla creazione di consapevolezza delle proprie potenzialità, leadership, e di
fiducia nell’agire individuale e collettivo;
● incontro e dialogo con role model selezionate/i nel mondo istituzionale, culturale,
imprenditoriale, politico, scientifico (solo studentesse): occasioni di confronto su temi che
riguardano la sfera pubblica (collegati soprattutto agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle
UN) che diventano anche momenti di condivisione personale e di ispirazione;
● talk pubblici: incontri tardo pomeridiani con i testimonial, gestiti in modalità intervista e
aperti al pubblico per rendere partecipi del progetto anche le famiglie delle studentesse,
insegnanti e in senso più ampio gli stakeholder locali e nazionali;
● visite istituzionali: organizzate con l’obiettivo di avvicinare le studentesse alle istituzioni
italiane ed europee, approfondirne la conoscenza e viverne direttamente, almeno per un
giorno, la missione;
● accompagnamento alla realizzazione di azioni di cittadinanza attiva: offerto sia attraverso
incontri dedicati a sviluppare competenze specifiche (es. la pianificazione progettuale e
finanziaria, la costruzione di campagne di comunicazione), sia attraverso mentor dedicati. I
progetti costituiscono per le studentesse il punto di ricaduta degli insegnamenti acquisiti
durante la scuola.