Tutti in coro

Oggi durante #iotrasmettodaletto, Federica Bonomo – componente del coro di Progetto Suono – Centro Sperimentale di Didattica e Divulgazione musicale di Messina, ci ha raccontato dell’idea che hanno avuto lei, gli altri membri del coro e la Maestra Agnese Carrubba per combattere la noia da reclusione e continuare a cantare.

Così, hanno deciso di realizzare una cover di un pezzo di Brunori Sas. Facile! – direte voi, ma chi sta in un coro sa quanto possa essere complesso cantare a distanza. Il risultato però è stato eccellente (meglio della canzone originale).

La rivisitazione di “Al di là dell’Amore” ha regalato – a tutti gli ascoltatori di Radio Antidoto – un lampo di colore in questo cielo un po’ grigio.

Grazie ragazzi, siete mega top!

Riascolta l’intervista a Federica Bonomo:

Ascolta la versione di “Al di là dell’amore” di Progetto Suono:

Colapisci

So matri lu chiamava: Colapisci!
sempri a mari, a mari, scura e brisci,
ciata ‘u sciroccu, zottiati sferra,
o Piscicola miu trasi ntera!
Iddu sciddicava comu anghidda
siguennu ‘u sò distinu, la sò stidda.
Annava fora, facia lagghi giri,
e Canzirri, ‘o Faru e Petri Niri.
Un ghionnu sò maistà ‘u vinni a sapiri,
e si pprisintau a iddu cù stu diri:

Iò sacciu chi si l’incantu da’ rivera
e di lu Faru potti la bannera,
scinni ‘o funnu a metri, passi e milia
e dimmi com’è cumposta la Sigilìa,
sè supra rocchi, massi o mammurina
e qual’è la posa di la tò Missina.
E Colapisci, figghiolu abbidienti
mpizzau ‘o funnu, rittu tempu nenti.
‘U Re facìa: chi beddu asimplari
e figghiu a Cariddi e non si nigari.

Sulligitu nchianau Colapisci
comu murina chi so’ canni lisci,
dicennu: “maistà ‘a bedda Missina
vessu punenti pari chi ssi ‘ncrina.
Sù tri culonni cà tenunu mpedi,
una è rutta, una è sana e l’autra cedi.

Ma ‘u Re tistazza ‘i gemmanisi
‘u rimannau pi’ n’autri centu stisi.
Iddu ssummau e ci dissi: Maistà
è tutta focu ‘a basi dà cità.
‘U Re ‘llampau e ‘n ‘coppu i maretta
‘i sgarru ci sfilau la vigghetta.

Giovi, Nettunu, dissi a vuci china,
quantu fu latra sta ributtatina.
Oh Colapisci, scinni lupu ‘i mari
e vidi si mi la poi tu truvari!
Era cumprimentu dà rigina,
l’haiu a malaggurio e ruina.

E Colapisci, nuncenti, figghiu miu,
‘a facci sa fici ianca dù spirìu
dicennu: Maistà gran dignitari
mi raccumannu sulu ‘o Diu dù mari.
e tempu nenti fici a gira e vota
scutuliau a cuta e a lena sciota
tagghiau ‘i centru e centru a testa sutta
e si ‘ndirizzau pà culonna rutta.

Ciccava Colapisci ‘i tutti i lati
cu di mani russi Lazzariati,
ciccau comu potti ‘ntò funnali
ma i boddira ‘nchianavanu ‘ncanali.
‘U mari avia ‘a facci ‘i viddi ramu
e allura ‘u Re ci fici ‘stu richiamu:
Colapisci chi fai, dimurasti?
e a vint’una i cavaddi foru all’asti.

E Cola cecca e cecca ‘ntà lu strittu
‘st ‘aneddu fattu, ‘ntà l’anticu Agittu.
Sò matri, mischinedda ancora ‘u chiama
cà mani a janga e ‘ncori ‘na lama.
Ma Colapisci cecca e cicchirà
st’aneddu d’oru pi l’atennità.

Poesia di Maria Costa, poetessa messinese

Cose al contrario

Cose al contrario.

Sto andando a dormire.

È mezzanotte,

tra poco potrebbero essere le 4 del mattino o le 5.

Vengo dalla Luna, sono scesa con una scala e mi sono seduta sul mare.


Sono davvero poca roba.

Non so camminare.

Non so respirare.

Sono al contrario.

Ho la testa sulle gambe.

Le braccia nei piedi.

Il naso all’indietro.

Cose al contrario.

Mi sono appena svegliata.

Sono le 9.

Sono tornata indietro nel tempo.

Non so parlare e nemmeno fischiare.

Non so sperimentare.

Non so raccontare.

Per sperimentare.

Bisogna preparare.

Altrimenti ho la testa piena di pensieri. Pensieri a forma di pasta, di righe, pensieri gommosi e rimbalzanti.

Ho sempre programmato tutto.

Sulla mia agenda ho appuntamento il 20 aprile. Già fissato.

E se il 20 aprile non esistesse più?

Oggi è venerdì.

Il giorno dell’esperimento.

Esperiamo

Espelliamo

Elaboriamo

Esplodiamo

Mi state tutti sul cazzo.

Ma oggi è tutto al contrario.

Sono felice.

Allora brilliamo.

Sono affamata.

Allora mangiamo.

Ripetiamo

Scolliamo

Viaggiamo

Quando voglio calmare non faccio altro che agitare.

Il giorno delle incursioni

Il giorno delle percussioni

Il giorno degli umori

Il giorno degli ormoni

Il giorno o muori

Conto le sigarette che fumo.

Tiro

Miro

Spiro

Biro

Ma scrivo con la penna