Indhicia


GioGio,ospite speciale Grazia e il suo libro Indhicia
“Performer artist,attrice,insegnante di giocoleria e di teatro,con Indhicia Grazia Piccini edita il suo primo romanzo,un incursione nel regno Fantasy, dove l’unico limite è l immaginazione”….
Una bella incursione su RadioAntidoto, dove il limite alle chiacchiere è stata la bella musica!!

GioGio ospita in una incursione un po’ rock, Grazia Piccini, giovane talento e amica sua, che racconta l’arrivo del suo primo romanzo, il percorso svolto,e da dove nacque l’idea di questo suo esordio. Un libro che potete liberamente aquistare in rete. Fatevene un idea e vedrete che ne vale la pena. Indhicia!

Immediatismo

Ieri ho parlato un po’ di Immediatismo in radio, leggendo, meta’ la mattina e meta’ la sera, il manifesto dell’Immediatismo di Hakim Bey.

Chi e’ HB? Innanzitutto un nom de plume di Peter Lamborn Wilson, anarchico, sufi, scrittore, sciamano, libertario, spaccatore di maroni della borghesia benpensante mondiale, seminatore di zizzania e diseducatore della gioventu’…

Praticamente il mio scrittore modello, o almeno dopo aver passato l’adolescenza a ascoltarmi metallo e leggere Nietzche un buon punto di approdo. Tra l’altro uno che ha insistito a dare via i suoi scritti pubblicandoli no-copywright… Forse avete sentito parlare di TAZ? Di Terrorismo poetico? Di Cena Oltranzista? Insomma tantissima roba…

La cosa piu’ sorprendente e’ stata, per me, che a rileggere le sue cose mi sono accorto di seguire le sue istruzioni nel dettaglio da trenta anni. Non male per capire il funzionamento degli incantesimi, l’importanza del jinn e del cazzeggio intellettuale con o senza il consumo di sosanze psicotrope.

Prendete e leggetene tutti!

f

i.

All experience is mediated—by the mechanisms of sense perception, mentation, language, etc.—& certainly all art consists of some further mediation of experience.

ii.

However, mediation takes place by degrees. Some experiences (smell, taste, sexual pleasure, etc.) are less mediated than others (reading a book, looking through a telescope, listening to a record). Some media, especially “live” arts such as dance, theater, musical or bardic performance, are less mediated than others such as TV, CDs, Virtual Reality. Even among the media usually called “media,” some are more & others are less mediated, according to the intensity of imaginative participation they demand. Print & radio demand more of the imagination, film less, TV even less, VR the least of all—so far.

iii.

For art, the intervention of Capital always signals a further degree of mediation. To say that art is commodified is to say that a mediation, or standing-inbetween, has occurred, & that this betweenness amounts to a split, & that this split amounts to “alienation.” Improv music played by friends at home is less “alienated” than music played “live” at the Met, or music played through media (whether PBS or MTV or Walkman). In fact, an argument could be made that music distributed free or at cost on cassette via mail is LESS alienated than live music played at some huge We Are The World spectacle or Las Vegas niteclub, even though the latter is live music played to a live audience (or at least so it appears), while the former is recorded music consumed by distant & even anonymous listeners.

iv.

The tendency of Hi Tech, & the tendency of Late Capitalism, both impel the arts farther & farther into extreme forms of mediation. Both widen the gulf between the production & consumption of art, with a corresponding increase in “alienation.”

v.

With the disappearance of a “mainstream” & therefore of an “avant-garde” in the arts, it has been noticed that all the more advanced & intense art-experiences have been recuperable almost instantly by the media, & thus are rendered into trash like all other trash in the ghostly world of commodities. “Trash,” as the term was redefined in, let’s say, Baltimore in the 1970s, can be good fun—as an ironic take on a sort of inadvertent folkultur that surrounds & pervades the more unconscious regions of “popular” sensibility—which in turn is produced in part by the Spectacle. “Trash” was once a fresh concept, with radical potential. By now, however, amidst the ruins of Post-Modernism, it has finally begun to stink. Ironic frivolity finally becomes disgusting. Is it possible now to BE SERIOUS BUT NOT SOBER? (Note: The New Sobriety is of course simply the flipside of the New Frivolity. Chic neo-puritanism carries the taint of Reaction, in just the same way that postmodernist philosophical irony & despair lead to Reaction. The Purge Society is the same as the Binge Society. After the “12 steps” of trendy renunciation in the ’90s, all that remains is the 13th step of the gallows. Irony may have become boring, but self-mutilation was never more than an abyss. Down with frivolity—Down with sobriety.)

Everything delicate & beautiful, from Surrealism to Break-dancing, ends up as fodder for McDeath’s ads; 15 minutes later all the magic has been sucked out, & the art itself dead as dried locust. The media-wizards, who are nothing if not postmodernists, have even begun to feed on the vitality of “Trash,” like vultures regurgitating & re-consuming the same carrion, in an obscene ecstasy of self-referentiality. Which way to the Egress?

vi.

Real art is play, & play is one of the most immediate of all experiences. Those who have cultivated the pleasure of play cannot be expected to give it up simply to make a political point (as in an “Art Strike,” or “the suppression without the realization” of art, etc.) Art will go on, in somewhat the same sense that breathing, eating, or fucking will go on.

vii.

Nevertheless, we are repelled by the extreme alienation of the arts, especially in “the media,” in commercial publishing & galleries, in the recording “industry,” etc. And we sometimes worry even about the extent to which our very involvement in such arts as writing, painting, or music implicates us in a nasty abstraction, a removal from immediate experience. We miss the directness of play (our original kick in doing art in the first place); we miss smell, taste, touch, the feel of bodies in motion.

viii.

Computers, video, radio, printing presses, synthesizers, fax machines, tape recorders, photocopiers—these things make good toys, but terrible addictions. Finally we realize we cannot “reach out & touch someone” who is present in the flesh. These media may be useful to our art—but they must not possess us, nor must they stand between, mediate, or separate us from our animal/animate selves. We want to control our media, not be Controlled by them. And we should like to remember a certain psychic martial art which stresses the realization that the body itself is the least mediated of all media.

ix.

Therefore, as artists & “cultural workers” who have no intention of giving up activity in our chosen media, we nevertheless demand of ourselves an extreme awareness of immediacy, as well as the mastery of some direct means of implementing this awareness as play, immediately (at once) & immediately (without mediation).

x.

Fully realizing that any art “manifesto” written today can only stink of the same bitter irony it seeks to oppose, we nevertheless declare without hesitation (without too much thought) the founding of a “movement,” IMMEDIATISM. We feel free to do so because we intend to practice Immediatism in secret, in order to avoid any contamination of mediation. Publicly we’ll continue our work in publishing, radio, printing, music, etc., but privately we will create something else, something to be shared freely but never consumed passively, something which can be discussed openly but never understood by the agents of alienation, something with no commercial potential yet valuable beyond price, something occult yet woven completely into the fabric of our everyday lives.

xi.

Immediatism is not a movement in the sense of an aesthetic program. It depends on situation, not style or content, message or School. It may take the form of any kind of creative play which can be performed by two or more people, by & for themselves, face-to-face & together. In this sense it is like a game, & therefore certain “rules” may apply.

xii.

All spectators must also be performers. All expenses are to be shared, & all products which may result from the play are also to be shared by the participants only (who may keep them or bestow them as gifts, but should not sell them). The best games will make little or no use of obvious forms of mediation such as photography, recording, printing, etc., but will tend toward immediate techniques involving physical presence, direct communication, & the senses.

xiii.

An obvious matrix for Immediatism is the party. Thus a good meal could be an Immediatist art project, especially if everyone present cooked as well as ate. Ancient Chinese & Japanese on misty autumn days would hold odor parties, where each guest would bring a homemade incense or perfume. At linked-verse parties a faulty couplet would entail the penalty of a glass of wine. Quilting bees, tableaux vivants, exquisite corpses, rituals of conviviality like Fourier’s “Museum Orgy” (erotic costumes, poses, & skits), live music & dance—the past can be ransacked for appropriate forms, & imagination will supply more.

xiv.

The mail art of the ’70s & the zine scene of the ’80s were attempts to go beyond the mediation of art-as-commodity, & may be considered ancestors of Immediatism. However, they preserved the mediated structures of postal communication & xerography, & thus failed to overcome the isolation of the players, who remained quite literally out of touch. We wish to take the motives & discoveries of these earlier movements to their logical conclusion in an art which banishes all mediation & alienation, at least to the extent that the human condition allows.

xvi.

Moreover, Immediatism is not condemned to powerlessness of the world, simply because it avoids the publicity of the marketplace. “Poetic Terrorism” & “Art Sabotage” are quite logical manifestations of Immediatism.

xvii.

Finally, we expect that the practice of Immediatism will release within us vast storehouses of forgotten power, which will not only transform our lives through the secret realization of unmediated play, but will also inescapably well up & burst out & permeate the other art we create, the more public & mediated art.

And we hope that the two will grow closer & closer, & eventually perhaps become one.

https://theanarchistlibrary.org/library/hakim-bey-immediatism

About today

Oggi siamo tornati in diretta. Eravamo io, Vittorino, Fonfi e un playground, dedicato a George Floyd – ucciso il 25 maggio 2020. Il primo playground nato a Messina, inaugurato lo scorso 3 settembre.

Trascorrere la domenica in questo nuovo posto è stata una gran bella sensazione e poter raccontare in diretta un luogo appena nato – per tutti – è stato fantastico.

Chi vive al Sud (senza troppi patetismi) si meraviglia come un bimbo davanti a queste cose (un semplice campo da basket) che in altre parti del mondo sono invece alla base di una comunità.

Chi vive al Sud si meraviglia e poi decide di vandalizzare. È successo sui volti disegnati da Vis Battaglia – street artist messinese – poco prima che il nuovo spazio sportivo venisse inaugurato. Manca il senso civico? L’intelligenza? Il buon senso? L’amore verso la propria città?

Le scritte CRIMINAL E ARIAN LIVES MATTER sono rimaste. E devono rimanere. Per ricordare a tutti che i veri criminali sono loro. Quelli che senza nessun tipo di ragione decidono di marcare il territorio o pisciare sul muro.

Le scritte non ci fermano. Il playground funziona alla grande. «Ci sono venuto tutti i giorni da quando ha aperto», ci ha detto Giovanni con addosso la maglia dei Bulls e un sorriso lungo una Falce, pronto ad andare a fare giusto un paio di tiri.

Infiliamoci negli spazi in un lampo. La città è nostra.

INDIE BREAKING SPACE – #BlackLivesMatter – LIVE from USA!!!

Il 25 maggio 2020 avviene un episodio gravissimo che sarebbe rimasto nel grande archivio dei crimini umani ignorati e dimenticati se non fosse stato ripreso da una ragazzina di 17 anni che lo ha reso pubblico a livello globale per mezzo della potenza mediatica che mai era stata raggiunta nella storia dell’umanità. I social network spesso criticabili per la loro deriva mercantile dei rapporti umani, possono manifestare una potenza di fuoco come mezzo di propagazione indipendente ed autonoma di documenti digitali che viaggiano liberi da qualunque tentativo di censura.

George Floyd perde la vita sotto la pressione asfissiante del ginocchio di un policeman che ha ignorato fino all’ultimo le sue sofferenze e le grida di chi stava riprendendo la scena nel silenzio complice dei suoi colleghi.

Negli USA si è scatenata una reazione popolare senza precedenti se consideriamo l’estensione e la propagazione a livello globale che ha visto persone di ogni età, etnia, estrazione culturale e religiosa partecipare alla protesta contro l’ennesimo sopruso delle forze dell’ordine contro persone di colore. Una protesta che recita principalmente una sacrosanta ovvietà tanto complicata da comprendere in un mondo occidentale ancora ottenebrato da pregiudizi che nulla hanno di lucido e normale.

#BlackLivesMatter (le vite dei neri contano) è diventato il simbolo di una presa di coscienza collettiva contro il razzismo e il sopruso delle minoranze.

Da qui è nato il “format” INDIE BREAKING SPACE che trae origine dal programma più “generico” INDIE SPACE che era nato già con una vocazione ben precisa, quella cioè di far attraversare sonorità e pensieri anche distanti in un continuo crossover che superi nell’unità la semplice sommatoria delle parti secondo il concetto chiave della psicologia della Gestalt: “il TUTTO è più della somma delle sue PARTI”.

La sintesi è nella sua stessa descrizione: “Suoni e frastuoni nelle distorsioni armoniche del Pensiero, della Musica, della Cultura e del Tempo”.

INDIE BREAKING SPACE vuole essere uno spazio radiofonico dove prende vita la protesta attualmente in corso disegnata in live “mixing” con delle tracce sonore che possano restituire attraverso il suono le emozioni e le sensazioni che ogni esperienza reale genera attraverso la partecipazione multi – sensoriale.

Anche noi siamo lì… protestiamo anche attraverso la nostra comunità radiofonica… altrimenti ci mancherebbe il respiro!!!

STAY TUNED….

Il gioco delle poesie lette sul momento

Un’incursione ma anche un esperimento ma anche una cosa fatta di pancia ma anche un modo per scialarsi.

Nella mattinata del 23 aprile 2020, in una delle tante incursioni su Radio Antidoto, abbiamo giocato a leggere le poesia sul momento. Le poesie sono state messe in onda via Telegram, approfittando del naturale missaggio che l’app realizza quando c’è una musica che va e si vuole ascoltare un vocale. Di seguito gli estratti delle letture e i testi delle poesie su cui ci siamo cimentati.

Il balcone (Eugenio Montale)

Pareva facile giuoco
mutare in nulla lo spazio
che m’era aperto, in un tedio
malcerto il certo tuo fuoco.

Ora a quel vuoto ho congiunto 5
ogni mio tardo motivo,
sull’arduo nulla si spunta
l’ansia di attenderti vivo.

La vita che dà barlumi
è quella che sola tu scorgi. 10
A lei ti sporgi da questa
finestra che non s’illumina.

Legge: Fredd

In me il tuo ricordo (Vittorio Sereni)

In me il tuo ricordo è un fruscìo
solo di velocipedi che vanno
quietamente là dove l’altezza
del meriggio discende
al più fiammante vespero
tra cancelli e case
e sospirosi declivi
di finestre riaperte sull’estate.
Solo, di me, distante
dura un lamento di treni,
d’anime che se ne vanno.
E là leggera te ne vai sul vento,
ti perdi nella sera.

Legge: Rigoni

Le mani (Vittorio Sereni)

Queste tue mani a difesa di te:
mi fanno sera sul viso.
Quando lente le schiudi, là davanti
la città è quell’arco di fuoco.
Sul sonno futuro
saranno persiane rigate di sole
e avrò perso per sempre
quel sapore di terra e di vento
quando le riprenderai.

Legge: Marty

A se stesso (Giacomo Leopardi)

Or poserai per sempre,
Stanco mio cor. Perì l’inganno estremo,
Ch’eterno io mi credei. Perì. Ben sento,
In noi di cari inganni,
Non che la speme, il desiderio è spento.
Posa per sempre. Assai
Palpitasti. Non val cosa nessuna
I moti tuoi, nè di sospiri è degna
La terra. Amaro e noia
La vita, altro mai nulla; e fango è il mondo.
T’acqueta omai. Dispera
L’ultima volta. Al gener nostro il fato
Non donò che il morire. Omai disprezza
Te, la natura, il brutto
Poter che, ascoso, a comun danno impera,
E l’infinita vanità del tutto.

Legge: Fabio

Meriggiare pallido e assorto (Eugenio Montale)

Meriggiare pallido e assorto
presso un rovente muro d’orto,
ascoltare tra i pruni e gli sterpi
schiocchi di merli, frusci di serpi.

Nelle crepe dei suolo o su la veccia
spiar le file di rosse formiche
ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano
a sommo di minuscole biche.

Osservare tra frondi il palpitare
lontano di scaglie di mare
mentre si levano tremuli scricchi
di cicale dai calvi picchi.

E andando nel sole che abbaglia
sentire con triste meraviglia
com’è tutta la vita e il suo travaglio
in questo seguitare una muraglia
che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.

Legge: Rigoni

La declamazione futurista (F. T. Marinetti)

Legge: Fredd

E allora noi vili (Cesare Pavese)

E allora noi vili
che amavamo la sera
bisbigliante, le case,
i sentieri sul fiume,
le luci rosse e sporche
di quei luoghi, il dolore
addolcito e taciuto ‒
noi strappammo le mani
dalla viva catena
e tacemmo, ma il cuore
ci sussultò di sangue,
e non fu piú dolcezza,
non fu piú abbandonarsi
al sentiero sul fiume ‒
‒ non piú servi, sapemmo
di essere soli e vivi.

Legge: Fredd
Legge: Cris
Legge: Chiara

La capra (Umberto Saba)

Ho parlato a una capra.
Era sola sul prato, era legata.
Sazia d’erba, bagnata
dalla pioggia, belava.

Quell’uguale belato era fraterno
al mio dolore. Ed io risposi, prima
per celia, poi perché il dolore è eterno,
ha una voce e non varia.
Questa voce sentiva
gemere in una capra solitaria.

In una capra dal viso semita
sentiva querelarsi ogni altro male,
ogni altra vita.

Legge: Chiara

Infine, c’è una poesia che non è stata letta…


George Gray (Edgar Lee Masters)

Molte volte ho studiato
la lapide che mi hanno scolpito:
una barca con vele ammainate, in un porto.
In realtà non è questa la mia destinazione
ma la mia vita.
Perché l’amore mi si offrí e io mi ritrassi dal suo inganno;
il dolore bussò alla mia porta, e io ebbi paura;
l’ambizione mi chiamò, ma io temetti gli imprevisti.
Malgrado tutto avevo fame di un significato nella vita.
E adesso so che bisogna alzare le vele
e prendere i venti del destino,
dovunque spingano la barca.
Dare un senso alla vita può condurre a follia
ma una vita senza senso è la tortura
dell’inquietudine e del vano desiderio –
è una barca che anela al mare eppure lo teme.


Ti piace? Vuoi leggerla tu? Entra nel nostro gruppo Ascoltatori su Telegram e lasciaci un messaggio 😁

Incursione

Non si può spiegare l’accanimento nei confronti di Pier Paolo Pasolini da parte dei cinegiornali degli anni ’60. Ad ascoltarlo oggi vengono i brividi.

È proprio vero, i poeti fanno paura. Non si spiega altrimenti.

Mentre preparavo i brani da includere in questa breve incursione mi chiedevo: ma è possibile che i poeti facciano così tanta paura? Non si può spiegare altrimenti l’accanimento nei confronti di Pier Paolo Pasolini da parte dei cinegiornali degli anni ’60. Ad ascoltarlo oggi vengono i brividi.

Altre perle in ordine sparso includono Troisi che spiega perché vorrebbe essere come Pasolini, la scena dell’audizione dal film ‘Il Papocchio’, la poesia di Sandro Penna ‘Mio confuso amore’ e la canzone del doppio brodo star (‘se a noi donne succede di sbagliare’).

Le musiche sono principalmente di Neil Young tratte dalla colonna sonora del film Dead Man di Jim Jarmusch, qualcosina di Lolli e di Bach.

Incursione di ricordi d’Africa

Non sempre le cose vanno secondo programma, men che mai nel mare di Radio Antidoto, dove può capitare che la barchetta del palinsesto incontri una tempesta di passaggio e venga scombussolata; così, a causa di qualche problema, la mattinata stava passando nel suono delle onde.

In questi casi, come coraggiosi pirati, si fanno delle incursioni nel mare radiofonico, per cercare di tenere compagnia chi ci ascolta; spesso si tratta di musica, altre volte si improvvisa su qualche argomento. E allora, ispirata dai viaggi onirici di Rigonia, ho deciso di proporre un mio viaggio, scavando nella memoria e andando indietro nel tempo.

Ed eccomi là, bambina dai corti capelli e la faccia pestifera che prendo un aereo e raggiungo mio padre in Africa, entrando dentro un mondo che mi cambierà senza che me ne renda conto; per un’ora ho raccontato i suoni, i colori e le sensazioni della prima volta che andai a Kabarnet, dagli scarabei rinoceronte al mio tentativo di “pescare” gli uccellini, arrivando al buco nella rete dove conobbi e giocai con i bambini di un villaggio vicino casa.

Quella malinconia, a distanza di anni, è stata una dolce e calda sensazione che probabilmente porterò ancora, sempre come incursione con la mia barchetta pirata sulle onde di Radio Antidoto.

Facendo pane

Un’incursione andata in onda nel weekend di pasqua, quando il palinsesto di Radio Antidoto si è popolato di improvvisazioni e variazioni sul tema.

Te l’ho detto di fare come dice mia madre

Nei lunghi giorni di isolamento forzato stiamo sperimentando diverse ricette, con risultati alterni (ad esempio non abbiamo ancora capito il segreto dell’alveolatura del pane, nonostante i video tutorials su youtube e nonostante tutti i consigli datici da amici e sconosciuti – long story).

Quella che vi propongo in questi pochi minuti è un’incursione andata in onda nel weekend di pasqua, quando il palinsesto di Radio Antidoto si è popolato di improvvisazioni e variazioni sul tema.

Io naturalmente ne ho approfittato per infilare il microfono un po’ dappertutto, anche dentro il forno bollente.

Disclaimer: no partner was harmed in the making of this audio.

Photo by Artur Rutkowski on Unsplash

Incursione: 22’22”

Oggi alle 13:circa. Perche’ ci siamo detti, biosogna sperimentare, se c’e’ un “buco” attappiamolo, buttiamoci. E allora c’era. E mi sono buttato.

L’inserto dalla durata di 22′ e 22″ lo ho registrato in onore del secondo 10 della vita di radio-antidoto, partita il 10 di marzo e’ qui di fila, in .ogg

La ho registrata costruendo un improvvisazione con il ritorno dello stream, con una patch di Sonic-pi, uno splendiodo programma per il live coding sonoro di cui avevo gia’ parlato in radio qualche voltae con alcune tracce che avevo li a portata di mano, registrazioni di chiacchiere, alcune parole a caso.

“Bibbia” – Giampilieri 2018