Una nuova collana di tascabili

Una nuova versione di Rigonia, più nei contenuti che nel formato.

Quanto può essere ingannevole un titolo? Ebbene, forse un po’ suggestionati dai più recenti ascolti di Stampa e regime su Radio Radicale, proponiamo l’edizione tascabile di Rigonia: non tanto nel formato, che rimane lunghetto (ed è sempre in forma di monologo), quanto più nei contenuti, che obbediscono a una manciata di regole semplici ma molto chiari. Per scoprirli, vi invitiamo all’ascolto di questo trentaquattresimo episodio, il primo in edizione tascabile.

Rigonia #34, Ed. tascabile #1

Incontriamo artigiani. Massimo incornicia.

Ieri pomeriggio siamo andati nel laboratorio di Massimo Bonesso e lo abbiamo trovato mentre stava srotolando un lavoretto a mezzo punto. Da 25 anni crea cornici per stampe, serigrafie, poster, …

Da un po’ di tempo lo aiuta Ciccio (Edoardo) che ha lasciato il suo lavoro di cuoco per imparare il mestiere del corniciaio. Massimo è riservato, gentile e cordiale, gli siamo grati per essersi raccontato in radio.

Rigonia 33 – Di lockdown e cose che non sono arte

Leggiamo insieme tre articoli che raccontano qualcosa di questo lockdown-non lockdown. In diretta dalla zona rossa.

Rigonia torna per leggere in concomitanza di una giornata in cui Twitter offre qualche riflessione su questo lockdown-non lockdown – e cose croccanti su cosa è arte oppure no. Ospite inconsapevole: il ministro Dario Franceschini.

Incontriamo artigiani. Nando cura strumenti musicali.

Nando Rizzo è un musicista che ha cominciato a suonare la prima chitarra all’età di quattro anni e undici anni fa ha deciso di aprire la sua bottega nel budello. Nando restaura strumenti, è attore, crea spettacoli. La bottega è un luogo di incontro per gli amici, e chi ama la musica; è facile trovarvi Nando insieme al papà e allo zio, anche loro musicisti, mentre provano qualche pezzo o improvvisano. Una delle cose belle che ci ha detto è che quello che fa, non riesce a chiamarlo lavoro, Nando si diverte.

Barbara, Emily, Amy…

Incursione notturna dedicata a Barbara Strozzi, una delle piu grandi compositrici del Seicento, nel giorno dell’anniversario della sua morte. Figlia adottiva, forse illegittima, del poeta Giulio Strozzi, compositrice e cantatrice virtuosa, fu membro dell’Accademia degli Incogniti a Venezia. Oggi, a distanza di piu di Trecento anni, le donne devono ancora lottare per affermarsi nel mondo della musica, accolte sempre in maniera un po’ ‘awkward’ da colleghi maschi e dal pubblico. Eventualmente apprezzate per le loro qualita’ tecniche e artistiche, ma di rado senza grandi sforzi. Come raccontano in interviste grandissime della scena Jazz e Soul, come Emily Remler e Amy Winehouse. Uno scenario a mio parere cosi surreale che ho voluto condire questa incursione con spezzoni di film da Lynch alla Citta’ delle donne di Fellini e interviste, come quella dove Dali racconta dei suoi baffi e li paragona a quelli di Proust… Buon ascolto!

Ecco il link per ascoltare l’incursione:

Emozioni contrastanti

Emozioni contrastanti e rassicurazioni di GioGio dal Tabu


Oggi Come non mai le emozioni contrastanti ci accompagnano.

Sempre presenti nei nostri cuori e nelle nostri menti! Ma a rassicurarci ci pensa GioGio dal Tabù spiegando a tutti i dubbiosi, e a coloro che vivono emozioni contrastanti, che siamo persone normali..
Anzi che provandole il nostro universo emotivo sta esprimendo tutta la sua complessità e qualcosa alla fine ci porterà dei benefici, oltre a renderci più sani sentimentalmente e fisicamente.

Immediatismo

Ieri ho parlato un po’ di Immediatismo in radio, leggendo, meta’ la mattina e meta’ la sera, il manifesto dell’Immediatismo di Hakim Bey.

Chi e’ HB? Innanzitutto un nom de plume di Peter Lamborn Wilson, anarchico, sufi, scrittore, sciamano, libertario, spaccatore di maroni della borghesia benpensante mondiale, seminatore di zizzania e diseducatore della gioventu’…

Praticamente il mio scrittore modello, o almeno dopo aver passato l’adolescenza a ascoltarmi metallo e leggere Nietzche un buon punto di approdo. Tra l’altro uno che ha insistito a dare via i suoi scritti pubblicandoli no-copywright… Forse avete sentito parlare di TAZ? Di Terrorismo poetico? Di Cena Oltranzista? Insomma tantissima roba…

La cosa piu’ sorprendente e’ stata, per me, che a rileggere le sue cose mi sono accorto di seguire le sue istruzioni nel dettaglio da trenta anni. Non male per capire il funzionamento degli incantesimi, l’importanza del jinn e del cazzeggio intellettuale con o senza il consumo di sosanze psicotrope.

Prendete e leggetene tutti!

f

i.

All experience is mediated—by the mechanisms of sense perception, mentation, language, etc.—& certainly all art consists of some further mediation of experience.

ii.

However, mediation takes place by degrees. Some experiences (smell, taste, sexual pleasure, etc.) are less mediated than others (reading a book, looking through a telescope, listening to a record). Some media, especially “live” arts such as dance, theater, musical or bardic performance, are less mediated than others such as TV, CDs, Virtual Reality. Even among the media usually called “media,” some are more & others are less mediated, according to the intensity of imaginative participation they demand. Print & radio demand more of the imagination, film less, TV even less, VR the least of all—so far.

iii.

For art, the intervention of Capital always signals a further degree of mediation. To say that art is commodified is to say that a mediation, or standing-inbetween, has occurred, & that this betweenness amounts to a split, & that this split amounts to “alienation.” Improv music played by friends at home is less “alienated” than music played “live” at the Met, or music played through media (whether PBS or MTV or Walkman). In fact, an argument could be made that music distributed free or at cost on cassette via mail is LESS alienated than live music played at some huge We Are The World spectacle or Las Vegas niteclub, even though the latter is live music played to a live audience (or at least so it appears), while the former is recorded music consumed by distant & even anonymous listeners.

iv.

The tendency of Hi Tech, & the tendency of Late Capitalism, both impel the arts farther & farther into extreme forms of mediation. Both widen the gulf between the production & consumption of art, with a corresponding increase in “alienation.”

v.

With the disappearance of a “mainstream” & therefore of an “avant-garde” in the arts, it has been noticed that all the more advanced & intense art-experiences have been recuperable almost instantly by the media, & thus are rendered into trash like all other trash in the ghostly world of commodities. “Trash,” as the term was redefined in, let’s say, Baltimore in the 1970s, can be good fun—as an ironic take on a sort of inadvertent folkultur that surrounds & pervades the more unconscious regions of “popular” sensibility—which in turn is produced in part by the Spectacle. “Trash” was once a fresh concept, with radical potential. By now, however, amidst the ruins of Post-Modernism, it has finally begun to stink. Ironic frivolity finally becomes disgusting. Is it possible now to BE SERIOUS BUT NOT SOBER? (Note: The New Sobriety is of course simply the flipside of the New Frivolity. Chic neo-puritanism carries the taint of Reaction, in just the same way that postmodernist philosophical irony & despair lead to Reaction. The Purge Society is the same as the Binge Society. After the “12 steps” of trendy renunciation in the ’90s, all that remains is the 13th step of the gallows. Irony may have become boring, but self-mutilation was never more than an abyss. Down with frivolity—Down with sobriety.)

Everything delicate & beautiful, from Surrealism to Break-dancing, ends up as fodder for McDeath’s ads; 15 minutes later all the magic has been sucked out, & the art itself dead as dried locust. The media-wizards, who are nothing if not postmodernists, have even begun to feed on the vitality of “Trash,” like vultures regurgitating & re-consuming the same carrion, in an obscene ecstasy of self-referentiality. Which way to the Egress?

vi.

Real art is play, & play is one of the most immediate of all experiences. Those who have cultivated the pleasure of play cannot be expected to give it up simply to make a political point (as in an “Art Strike,” or “the suppression without the realization” of art, etc.) Art will go on, in somewhat the same sense that breathing, eating, or fucking will go on.

vii.

Nevertheless, we are repelled by the extreme alienation of the arts, especially in “the media,” in commercial publishing & galleries, in the recording “industry,” etc. And we sometimes worry even about the extent to which our very involvement in such arts as writing, painting, or music implicates us in a nasty abstraction, a removal from immediate experience. We miss the directness of play (our original kick in doing art in the first place); we miss smell, taste, touch, the feel of bodies in motion.

viii.

Computers, video, radio, printing presses, synthesizers, fax machines, tape recorders, photocopiers—these things make good toys, but terrible addictions. Finally we realize we cannot “reach out & touch someone” who is present in the flesh. These media may be useful to our art—but they must not possess us, nor must they stand between, mediate, or separate us from our animal/animate selves. We want to control our media, not be Controlled by them. And we should like to remember a certain psychic martial art which stresses the realization that the body itself is the least mediated of all media.

ix.

Therefore, as artists & “cultural workers” who have no intention of giving up activity in our chosen media, we nevertheless demand of ourselves an extreme awareness of immediacy, as well as the mastery of some direct means of implementing this awareness as play, immediately (at once) & immediately (without mediation).

x.

Fully realizing that any art “manifesto” written today can only stink of the same bitter irony it seeks to oppose, we nevertheless declare without hesitation (without too much thought) the founding of a “movement,” IMMEDIATISM. We feel free to do so because we intend to practice Immediatism in secret, in order to avoid any contamination of mediation. Publicly we’ll continue our work in publishing, radio, printing, music, etc., but privately we will create something else, something to be shared freely but never consumed passively, something which can be discussed openly but never understood by the agents of alienation, something with no commercial potential yet valuable beyond price, something occult yet woven completely into the fabric of our everyday lives.

xi.

Immediatism is not a movement in the sense of an aesthetic program. It depends on situation, not style or content, message or School. It may take the form of any kind of creative play which can be performed by two or more people, by & for themselves, face-to-face & together. In this sense it is like a game, & therefore certain “rules” may apply.

xii.

All spectators must also be performers. All expenses are to be shared, & all products which may result from the play are also to be shared by the participants only (who may keep them or bestow them as gifts, but should not sell them). The best games will make little or no use of obvious forms of mediation such as photography, recording, printing, etc., but will tend toward immediate techniques involving physical presence, direct communication, & the senses.

xiii.

An obvious matrix for Immediatism is the party. Thus a good meal could be an Immediatist art project, especially if everyone present cooked as well as ate. Ancient Chinese & Japanese on misty autumn days would hold odor parties, where each guest would bring a homemade incense or perfume. At linked-verse parties a faulty couplet would entail the penalty of a glass of wine. Quilting bees, tableaux vivants, exquisite corpses, rituals of conviviality like Fourier’s “Museum Orgy” (erotic costumes, poses, & skits), live music & dance—the past can be ransacked for appropriate forms, & imagination will supply more.

xiv.

The mail art of the ’70s & the zine scene of the ’80s were attempts to go beyond the mediation of art-as-commodity, & may be considered ancestors of Immediatism. However, they preserved the mediated structures of postal communication & xerography, & thus failed to overcome the isolation of the players, who remained quite literally out of touch. We wish to take the motives & discoveries of these earlier movements to their logical conclusion in an art which banishes all mediation & alienation, at least to the extent that the human condition allows.

xvi.

Moreover, Immediatism is not condemned to powerlessness of the world, simply because it avoids the publicity of the marketplace. “Poetic Terrorism” & “Art Sabotage” are quite logical manifestations of Immediatism.

xvii.

Finally, we expect that the practice of Immediatism will release within us vast storehouses of forgotten power, which will not only transform our lives through the secret realization of unmediated play, but will also inescapably well up & burst out & permeate the other art we create, the more public & mediated art.

And we hope that the two will grow closer & closer, & eventually perhaps become one.

https://theanarchistlibrary.org/library/hakim-bey-immediatism

La tela e lo spazzolone

Prima puntata del nuovo Lockdown, iniziato giovedi scorso qui in Inghilterra. Tanta musica, un po’ di nostalgia e una lettura dedicata a un aneddoto sul pittore Emilio Vedova, maestro all’Accademia di Belle Arti di Venezia, narrato da Massimo Recalcati nel libro L’ora di lezione. Una riflessione sulla creativita’, sulle difficolta’ dell’ispirazione per l’enorme peso di creazioni del passato ma anche sulle molteplici possibilita’ di creazione nel presente. Uno spunto, forse un’ispirazione per esplorare possibilita’ creative in questo nuovo Lockdown. Buon ascolto!

Alpi Liguri

Non ero mai stata a Cosio D’Arroscia. Oggi, dopo pranzo, sono salita sulla piccola 4×4 con le gomme nuove e sono partita.

Superato Pieve di Teco il sole stava già tramontando ma l’aria era ancora tiepida. In mezzo ad un tornante ho svoltato a sinistra e lasciata la statale 28 che porta ripida al Colle di Nava, e che è quasi una superstrada di montagna con cemento armato e asfalto nero, mi sono trovata in una strada più stretta a mezza costa, pianeggiante e in mezzo al bosco; nessuna protezione a valle, il bordo frastagliato e in diversi punti proprio rotto.

Attorno alberi spogli o con foglie di colori che variano dal giallo pallido al rosso scuro scuro, di rado qualche sempreverde: è autunno. Molti rami rotti e tronchi spezzati, dev’essere un segno lasciato dal nubifragio della prima settimana di ottobre. Vicina dietro di me un’auto irrequieta, è un minisuv di marca tedesca, alla guida un uomo che conosce bene la strada, è del posto, penso, accosto, lascio passare, sparisce quasi subito.

Mi fermo proprio sotto il cartello che mi dice che sono arrivata anche se sono appena fuori dal bosco; spengo il motore e scendo. C’è silenzio. Di li a poco sento limpide le campane. Cosio è poco distante un poco più basso.

Riparto, poi vedo la piazza, rallento, esito ma proseguo in direzione Mendatica, qualche casa vecchia abbandonata e altre di cemento e mattoni trascurate, la strada è spaccata sembra pericolante e molto più sotto c’è un torrente. Più avanti, dove la strada si piega a centottanta, una casa non nuova, non antica, non finita, un piazzale grande sterrato, tronchi malamente accatastati e una vecchia panda senza ruote e senza vetri, che sembra un magazzino di cose inutili.

Vado oltre, adesso vedo l’altro fianco di Cosio e anche il cimitero. Arrivo in un pianoro coperto di foglie secche, gli alberi intorno, un’auto parcheggiata, forse saranno andati a funghi ? Un ruspa ferma più lontana, panchine, due sedie di plastica bianche, un tavolone da pic nic. Faccio inversione, ritorno verso Cosio e parcheggio in piazza vicino alle auto lasciate li un po’ a caso.

Tre uomini stanno parlottando, saluto e mi inoltro nei vicoli stretti e umidi, ben spazzati. E’ un groviglio di viuzze, archivolti, scale e scalette mi sembra quasi di essere nell’illusione di Hescher. Un uomo di mezza età vuota una damigiana nel tombino, l’odore del vino si espande. Vasi per lo più di plastica, con piante verdi che non hanno bisogno di sole diretto, sono sparsi qui e là. Tendine di cotone ritorto, bianco, lavorate a mano a filet, sono messe fuori dalla finestra a due ante per chi passa e fa una foto.

Ogni tanto spunta un gatto, poi due, tre, quattro che scappano via, si fermano di colpo e da distante mi guardano. Molte case sono chiuse da molto tempo. Non ci sono negozi o negozietti. Sembra non ci sia traccia di turismo. Torno sulla piazza, un bimbo corre, il papa lo insegue, ma non stanno giocando, a rimproverarlo arriva la mamma. Un uomo e una donna chiacchierano a voce alta, mi avvicino e chiedo chiarimenti riguardo al cartello che avevo trovato nei pressi del bivio della statale 28 e che annunciava la chiusura della strada a partire dal 9 novembre a causa di lavori urgenti. Non ne sanno nulla, sono sorpresi, e un po’ preoccupati; lui telefona al sindaco genoano, si scambiano battute ironiche su doriani e juventini ma adesso sono tranquilli, potranno tornare al lavoro lunedì, lui a Genova e lei ad Imperia. Ci presentiamo e cominciamo a parlare. Mi raccontano che proprio questa notte si è saputo che ieri è mancato a Torino, dove viveva da tempo, Piero Simondo, nato a Cosio nel 1928, uno dei fondatori dell’Internazionale Situazionista. Mi raccontano che i Situazionisti amavano riunirsi qui per parlare, mangiare e soprattutto bere. Continuiamo a dialogare. Parliamo di Cosio e della Liguria, di musica, di artisti e di ricette di sciroppi alle erbe, che si tramandano da generazioni e sono custodite gelosamente, da poche, pochissime persone del posto. Chi abita qui è riservato, forse chiuso ma a festeggiare l’ultimo dell’anno, qui a Cosio, erano più di cento persone legate a questo posto e non è poco.

Zingarofilia 2

Seconda puntata. Di Emanuela Miconi.

“Erano magri et nigri”, così l’anonimo cronista descriveva gli zingari, al loro arrivo a Bologna intorno al 1420. Gli athinganoi, gli “intoccabili” nomadi dediti alla lavorazione dei metalli, alla chiromanzia e ai sortilegi, si
presentano ai confini dell’Europa occidentale in veste di pellegrini: muniti di falsi salvacondotti papali che consentono loro di transitare liberamente da un luogo all’altro, riescono a metter in atto quello che gli storici
hanno denominato Great Trick, il grande inganno perpetrato in barba alle leggi e alle norme più restrittive dei singoli Stati; in tal modo i nuovi arrivati eludono controlli e l’insieme di provvedimenti repressivi riservati
a vagabondi, mendicanti e a tutte quelle frange di popolazione in perenne condizione marginale che affollano, dalle città popolose alle contrade più remote, le strade dell’Europa dell’epoca; al contrario gli zingari godono di uno status sociale, quello del pellegrino per l’appunto, assolutamente protetto e tutelato.
L’abilità delle chiromanti zingare sconvolge e getta scompiglio nella tranquilla cittadinanza bolognese al punto che le autorità, non potendo allontanare i nomadi, a tutti gli effetti sotto protezione papale, si vedono
costrette, al fine di tutelare l’ordine pubblico, ad interdire il rapporto con gli zingari ai propri cittadini, nel frattempo accorsi in massa agli accampamenti fuori le mura per farsi leggere, nelle linee dei palmi, “la buona ventura”.
Decadute queste primitive forme di tutela ritroveremo gli zingari, in piena età moderna, divenuti oggetti di persecuzioni efferate e stanziati, nel tentativo di sfuggire alle violenze, nei territori più poveri e arretrati
d’Europa, e in particolare d’Italia. Nel Meridione escluso dai processi di unificazione nazionale proprio gli zingari, inseritisi al fianco delle miserabili popolazioni locali, contribuiranno ad arginare quella che dal grande etnologo Ernesto de Martino è stata definita “la perdita della presenza”. In una società contadina, relegata in limine a una intera civiltà in via di industrializzazione, l’individuo, irrimediabilmente tagliato fuori dai grandi mutamenti socio-politici, rischia di perder cognizione della sua stessa esistenza nel mondo.
E’ in questo contesto che gli zingari elaborano un loro modus vivendi e fondano la possibilità di una convivenza proficua e pacifica con chi, tra i Gagè, condivide la loro stessa marginalizzazione.
Saranno le donne, in primis, le attrici e il tramite di questa condivisione di vita: le romnia si aggirano per le allora poverissime montagne e le desolate campagne di Abruzzo, Molise, Basilicata offrendo i loro piccoli servigi: tra le altre cose sanno scrutare le linee delle mani, rincuorano, rassicurano e a ciascuno sono in grado di offrire una seppur minima speranza di vita migliore e il sogno, nonostante tutto e anche in quelle terre abbandonate e dimenticate, di un Buon Destino.
Le immagino presiedere, come la dolcissima Macci di cui gli etnologi hanno raccolto testimonianza, ai matrimoni, alle nascite e forse anche alle morti, aiutando chi resta a gestire la ferita dell’ennesima perdita, conseguente al trapasso doloroso che nel mondo zingaro non si identifica con l’univoca fine dell’esistenza terrena ma è sempre reiterato inizio, metamorfosi, vita ritrovata in forme nuove.
Ecco perché allora Carlo Levi ha potuto scrivere, non a torto, che “Cristo si è fermato a Eboli”: in quel pezzo di Italia ignorato dalla Grande Storia, tutto il rapporto con il sacro è traslato in mani femminili, a partire dal culto mariano per quelle Madonne nere definite magnificamente da Italo Calvino “Persefoni contadine”, e per arrivare infine alle misteriose donne girovaghe, ineffabili ma sempre presenti sulla scena della vita di chi
sembra non avere più alcun diritto di esistere.
Anch’essi ultimi tra gli ultimi, gli zingari hanno ritrovato un’immagine speculare di se stessi in Sara, la serva fanciulla, forse poco più che bambina, dalla pelle scura e gli ardenti occhi neri che leggenda vuole fuggita dalla Palestina divenuta teatro di persecuzioni efferate, al seguito di Maria Maddalena. Nell’esilio dalla Terra Santa, con lei si accompagnavano altre due donne: Maria di Giacomo e Maria Salomè, nelle quali un’antica tradizione ravvede rispettivamente la sorella della Vergine e la madre del discepolo prediletto, Giovanni, anch’egli testimone della Passione di Cristo. Lasciata Maddalena al suo eremo, la leggenda narra del loro naufragio sulle coste delle malsane e inospitali lande paludose della Camargue dove, stabilitesi a vivere, si diedero a convertire alla Parola evangelica genti ancora pagane. Esule dalla sua terra, condannata per peccati non commessi, Sara, la più miserabile, è stata eletta dal popolo Rom a propria Santa protettrice.
La statua che la rappresenta, abbigliata con un fasto da regina e sommersa di ex voto, il 24 maggio di ogni anno, nel corso del grandioso pellegrinaggio che riporta gli zingari da tutto il mondo nel sud della Francia, nella cittadina costiera di Les Saintes Maires de la mer, viene trasportata a braccia e bagnata nel mare da cui lei e le sue padrone arrivarono in quel giorno lontano di un tempo di cui ormai non si serba memoria.
Riportata la propria patrona, con una coreografica processione, nella cripta della chiesa che, si dice, abbia ospitato le sue spoglie, i Rom continuano a chiedere, come fanno ormai da secoli, grazie e miracoli, sostegno e protezione, o forse solo semplice ascolto alla Santa più piccola, misconosciuta ed emarginata della Chiesa cattolica.