Un iceberg chiamato “Cenerentola”

Nella puntata di “C’era una volta la fiaba” avvenuta ieri sera, 28 Aprile, si è parlato della fiaba di Cenerentola, dalla sua nascita ai suoi significati e, sopratutto, alle caratteristiche che hanno portato a farla diventare da archetipo della fanciulla che ottiene il suo riscatto sociale, a stereotipo con cui riferirsi tanto ad una persona quanto ad una cosa.

Per via della quantità di simboli e informazioni nascosti nelle 345 versioni esistenti della fiaba, la si è voluta paragonare ad un iceberg, dove la punta è costituita dal racconto mentre il resto può essere raccolto in 3 parole chiave: Podomanzia, Crudeltà, Lapsus Grammaticali.

Podomanzia: la parola si lega alle sue origini, divise in due culture ed epoche storie ben diverse da loro, ovvero l’Antico Egitto e l’antica Cina Imperiale, ma entrambe legate all’arte della divinazione e lettura della pianta del piede. Da ciò si ritiene derivi la nascita dell’oggetto simbolo di questa fiaba, ovvero la scarpetta.

Crudeltà: nella fiaba di Cenerentola è una tematica importante, perché è quella che spinge la protagonista al suo cambiamento, al suo riscatto. Tuttavia è giusto sottolineare che non in tutte le versioni la crudeltà è legata unicamente alle figure della matrigna o delle sorellastre: la protagonista stessa, nella versione di Basile, non esita a compiere un omicidio pur di ottenere un po’ di felicità, cosa che però gli sarà negata dalla donna a cui aveva dato piena fiducia.

Lapsus Grammaticali: il cambiamento della scarpetta originale, in materiali quali stoffa o cuoio, in cristallo è legata ad un errore di traduzione e scrittura in francese della parola “pelliccia”, Vaire, fatta diventare “vetro”, Verre. Questo ha comportato un cambiamento enorme nella fiaba stessa, i cui significati e simboli sono stati ribaltati e, per certi versi, anche sminuiti a favore di una fruizione più “leggera”.

Se questa parole sono riuscite a darvi un po’ di curiosità, l’invito è di scaricarvi la puntata e sul sito https://tinyurl.com/radioantidoto

Se avete avuto modo di sentirvi la puntata e avete voglia di ascoltare la storia del libretto della Cenerentola, con le musiche composte, da Gioachino Rossini, potete andare al seguente link: https://www.spreaker.com/show/le-storie-allopera

About the author

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *